Tartaro nei cani: rischi, cause e trattamento del problema

Basta guardare le attività di routine dei cani per sapere quanto siano importanti i denti per loro. I cani li usano per mangiare, per masticare e persino per giocare! Pertanto, mantenere l'igiene orale di questi animali domestici è essenziale per garantire il loro benessere. E che ne dici di iniziare con la prevenzione e il trattamento del tartaro nei cani ?

Come per noi, il tartaro nei cani non è altro che la formazione di una placca batterica derivante dall'accumulo di residui di cibo. La differenza è che, mentre ci laviamo i denti quotidianamente, spesso non facciamo lo stesso con gli animali domestici. Con ciò, i nostri amici finiscono per essere più soggetti al problema.

Cause del tartaro: perché si forma?

Prima di tutto, è necessario capire che, nella maggior parte dei casi, la formazione del tartaro nei cani è praticamente inevitabile. Tuttavia, secondo il veterinario di Petz, Bruna Maturo, alcuni fattori possono contribuire sia alla comparsa più rapida sia all'evoluzione del problema.

Questo è il caso, ad esempio, di non lavarsi i denti del cane almeno 3 volte a settimana. Offrire agli animali alimenti inappropriati, come carne, frutta e leccornie, aiuta a formare la placca non generando attrito.

Ma, secondo l'esperto, anche se hai tutte queste precauzioni, alcuni cani hanno maggiori probabilità di sviluppare tartaro. "L'anatomia stessa della bocca e dei denti porta a una maggiore predisposizione", spiega il veterinario.

Tra le razze, cita piccoli cani e cani brachicefalici come quelli che hanno maggiori probabilità di presentare la condizione. "La presenza di denti decidui (denti da latte) porta anche a una maggiore predisposizione", avverte la dott.ssa Bruna.

Come faccio a sapere se il mio cane ha il tartaro?

A differenza di ciò che accade con la maggior parte delle malattie, non è difficile identificare il tartaro nei cani. Questo perché uno dei primi sintomi che avvertiamo non appena il cane ci dà quella leccata sul viso e c'è un odore sgradevole ... Il famoso alito cattivo!

Inoltre, quando si apre la bocca dell'animale, è possibile vedere la placca batterica in punti giallastri o verdastri, vicino alla gomma o tra i denti. In casi più avanzati, il dottor Bruna afferma che il cane potrebbe anche avere difficoltà a masticare e persino avvertire forti dolori.

Rischi di tartaro per cani

Non importa se stiamo parlando di animali domestici o persone. Molte persone credono ancora che prendersi cura dei denti sia un problema puramente estetico, che è tutt'altro che vero. Nel caso dei cani, il Dr. Bruna spiega che l'eccesso di batteri nella bocca può portare a malattie parodontali e gengivite, causando dolore e difficoltà a masticare.

Ancora più grave è quando questi batteri migrano verso altre parti del corpo. "Possono migrare verso il cuore, portando all'endocardite e possono anche causare cambiamenti ai reni, al fegato e ai polmoni", avverte il veterinario.

Prevenzione e trattamento

Come affermato in precedenza, il più delle volte non è possibile prevenire completamente la formazione di tartaro. Tuttavia, seguire le misure di seguito può davvero aiutare a posticipare l'evoluzione del problema: dai un'occhiata ai suggerimenti su come rimuovere il tartaro dai denti che abbiamo preparato per te!

  • Lavarsi i denti al cane ogni giorno o almeno 3 volte a settimana con adeguati prodotti veterinari;
  • Offri all'animale solo prodotti con la consistenza e le dimensioni appropriate per la sua razza e / o taglia;
  • Oggi è possibile trovare diversi tipi di biscotti per tartaro per cani , razioni e persino "collutori" che aiutano a prevenire il tartaro. Parla con un veterinario;
  • Se l'animale ha ancora denti da latte, verifica con il veterinario la possibilità di effettuare un'estrazione;
  • Non ricorrere mai ai trattamenti domiciliari per il tartaro senza l'espressa raccomandazione di uno specialista;
  • Prendi il cane per controlli regolari e consultazioni per valutare la sua salute orale.

Nei casi in cui la piastra è già installata, è necessario andare per un intervento di pulizia. La pulizia del tartaro nei cani è molto simile alla nostra. "L'intervento consiste nel rimuovere la placca con un dispositivo chiamato ultrasuono dentale", spiega Dra. Bruna.

La grande differenza è che per pulire il tartaro nei cani, devono essere anestetizzati, il che comporta un rischio maggiore. Pertanto, il veterinario consiglia di utilizzare l'anestesia per inalazione, che provoca meno dolore ed è più sicura. Ma stai tranquillo, quando questa procedura viene eseguita da un professionista di qualità, il tuo piccolo amico verrà trattato bene e protetto.

Un'altra raccomandazione del veterinario è quella di privilegiare uno specialista nel campo dell'odontoiatria. "Hanno attrezzature specifiche per rimuovere la placca, estrarre i denti, lucidare, tra le altre procedure specifiche", dice.

Se ti stai chiedendo dove trovare un professionista nel settore, sappi che l'odontoiatria è una delle tante specialità offerte nelle cliniche Petz. Verifica la disponibilità nell'unità più vicina a te!

Articoli Correlati