Gatto arrabbiato: tutto sulla zoonosi che colpisce anche le fighe

La rabbia è una malattia grave, che può portare alla morte in quasi il 100% dei casi. Quindi merita sempre attenzione. Sebbene di solito sia associato ai cani, ci sono anche casi di gatti arrabbiati . E, sebbene raro, dobbiamo prestare attenzione a questo male, principalmente a causa della crescente popolarità delle fighe.

Cercare informazioni sull'argomento è il primo passo per comprendere la gravità del problema. Pertanto, abbiamo separato alcuni suggerimenti essenziali sulla malattia, i sintomi e la prevenzione.

Gatto arrabbiato

La rabbia è una malattia pericolosa che può colpire tutti i mammiferi, compresi i gatti. È una malattia causata da un virus, che attacca il sistema nervoso, portando alla morte in quasi tutti i casi.

"A causa dell'elevato numero di cani domestici, la rabbia è stata storicamente associata ai cani", spiega il veterinario Petz, il dott. Edgar Ferreira. "Ma la crescente popolarità dei gatti, dovuta principalmente allo stile di vita dei grandi centri urbani, fa sì che la rabbia felina meriti attenzione dalla salute pubblica", aggiunge lo specialista.

Modi di contagio

La rabbia, in generale, altera il comportamento dell'animale, rendendolo aggressivo. Pertanto, nei casi di rabbia nei gatti , il morso di un animale infetto finisce per essere una delle principali forme di trasmissione della malattia.

Con la rabbia felina, l'animale finisce per essere infettato da un combattimento con un gatto malato o cercando di cacciare pipistrelli, puzzole, procioni e altri animali selvatici, che possono anche trasmettere il virus. Ecco perché gli animali domestici che escono di casa sono i più sensibili alle infezioni.

Principali sintomi della rabbia felina

La rabbia attacca il sistema nervoso, motivo per cui il cambiamento di comportamento è una delle sue principali manifestazioni cliniche. In questo caso, anche i gatti calmi e premurosi possono improvvisamente diventare aggressivi. Alcuni altri possibili sintomi sono:

  • Strabismo;
  • Salivazione eccessiva;
  • Perdita di controllo della mascella;
  • spasmi;
  • tremori;
  • Disorientamento;
  • Isolamento;
  • fotofobia,
  • Convulsioni.

Quando noti cambiamenti nel tuo animale domestico, cerca immediatamente un veterinario di fiducia. Solo uno specialista può identificare la malattia e adottare misure adeguate, in grado di garantire la sicurezza del tutore e ridurre la sofferenza della figa.

Diagnosi

La diagnosi di rabbia è post mortem. Cioè, è solo possibile essere sicuri che l'animale avesse il virus che causa la malattia dopo la morte dell'animale. Tuttavia, a causa dei sintomi e della storia del gatto, un veterinario può essere sospettoso della rabbia felina e, in questo caso, deve tenere il gatto sotto osservazione per un massimo di dieci giorni, per monitorare l'evoluzione della malattia.

Sfortunatamente, non esiste un trattamento per la rabbia e l'aspettativa di vita di un gatto infetto è di 3-7 giorni dopo la comparsa dei primi sintomi.

La rabbia felina può infettare l'uomo?

Uno dei dubbi più comuni tra i tutor è se la rabbia felina possa essere trasmessa all'uomo. Sì! La rabbia è una zoonosi, cioè una malattia che passa dagli animali alle persone, principalmente dal morso dell'animale infetto. Con questo, tutte le precauzioni sono piccole!

Prevenzione: la scelta migliore

Nonostante sia spaventosa, la rabbia ha un metodo di prevenzione molto semplice: la vaccinazione. Con un tasso di efficacia molto vicino al 100%, garantisce una vita tranquilla e sana al tuo amico a quattro zampe!

La prima dose di vaccino antirabbico nei gatti deve essere somministrata dai 3 ai 4 mesi di età e deve essere potenziata ogni anno, secondo le indicazioni del veterinario. Ci sono città che offrono programmi pubblici che effettuano la vaccinazione gratuita degli animali domestici.

Mantenere aggiornata la scheda di vaccinazione del proprio animale domestico è una questione di responsabilità, poiché protegge la salute di tutti in casa. Porta sempre il tuo compagno dal veterinario, che sarà in grado di identificare possibili malattie e monitorare il programma di vaccinazione del tuo amico.

Le cliniche veterinarie Petz hanno professionisti responsabili e attenti che saranno felici di incontrare il tuo bambino a quattro zampe. Cerca l'unità più vicina e fai una visita!

Articoli Correlati