Sintomi della rabbia canina: come identificare la malattia?

Conoscere i sintomi della rabbia canina è uno dei primi passi per identificare questa temuta malattia, nota per avere un tasso di mortalità molto elevato.

Oltre a rappresentare un pericolo per i nostri pelosi, la malattia è anche una zoonosi, cioè può essere trasmessa all'uomo, il che la rende una minaccia ancora maggiore!

Con questo in mente, abbiamo preparato una piccola guida con i principali sintomi della rabbia canina e informazioni sulla prevenzione e il trattamento.

Che cos'è la rabbia canina?

La rabbia è un'antica familiarità per l'uomo. Molto pericoloso, colpisce tutti i mammiferi, inclusi ruminanti, felini e persino pipistrelli. Ma ti sei mai chiesto perché la malattia è così associata ai cani?

"Fino al 2003, i cani erano i principali trasmettitori di rabbia per l'uomo in Brasile", spiega il veterinario Petz, il dott. Kelli Nicida.

È una malattia infettiva causata da un virus. "Il virus si lega ai nervi dell'ospite e, al loro interno, migra verso il cervello, causando infiammazione dei tessuti colpiti", aggiunge il veterinario.

Con un'evoluzione molto rapida, la rabbia uccide quasi il 100% dei pazienti infetti non solo nei cani, ma anche nell'uomo.

Come avviene il contagio?

Il virus della rabbia si inserisce, tra gli altri tessuti, nelle ghiandole salivari del paziente. Poiché la malattia provoca aggressività, il morso è il modo principale per gli animali infetti, come cani e pipistrelli, di trasmettere il virus.

Ciò che molte persone non sanno è che la malattia può essere contratta anche da altri animali, come procioni e puzzole. Pertanto, c'è poca cura con gli animali domestici che vivono all'aperto in fattorie o case di campagna.

Sintomi di rabbia canina nell'animale

Nell'immaginazione popolare, l'immagine principale della rabbia nei cani e nei gatti è un animale sbavante, con un boccone di saliva biancastra. Ciò è dovuto principalmente ai sintomi di una delle fasi della malattia. Ma in realtà, il Dr. Kelli spiega che la rabbia canina ha diversi stadi e, durante la sua evoluzione, anche i sintomi possono cambiare.

Popolarmente, si parla di "rabbia furiosa" e "rabbia paralitica". In realtà, è la stessa malattia, in diverse fasi. Il periodo noto come "rabbia arrabbiata" è la prima fase. Durando da 1 a 4 giorni, di solito provoca cambiamenti comportamentali nel cane, come:

  • eccitazione;
  • Aggressività;
  • Paura;
  • Depressione;
  • Ansia,
  • Follia.

Dopo la fase furiosa, inizia la cosiddetta "rabbia paralitica", in cui si accentuano i sintomi neurologici, come:

  • Difficoltà a deglutire;
  • Salivazione;
  • Mancanza di coordinamento dei membri,
  • Paralisi.

La rabbia si sta evolvendo molto rapidamente. Quando raggiunge la seconda fase, il cane di solito muore entro 48 ore.

Trattamento e diagnosi della rabbia canina

La rabbia del cane non ha cura. Quando compaiono i sintomi, è troppo tardi. Tuttavia, succede che molte malattie neurologiche hanno manifestazioni cliniche simili e, quindi, solo un veterinario può identificare se la rabbia è uno dei possibili sospetti.

Ma, dopo tutto, come diagnosticare la rabbia canina ? Completamente, viene eseguito solo dopo la morte del cane, mediante test sul tessuto cerebrale. Sfortunatamente, la malattia non ha conosciuto un trattamento efficace. Pertanto, l'eutanasia è indicata ogni volta che si osservano segni molto chiari di rabbia canina.

Vaccino: la migliore medicina

Nonostante sia estremamente pericolosa, la prevenzione della rabbia è abbastanza semplice: la vaccinazione. Con un tasso di protezione molto vicino al 100%, è il modo migliore per tenere il virus lontano dal tuo amico.

Generalmente, la prima dose viene somministrata all'animale tra 3 e 5 mesi di vita. Quindi, l'immunizzazione deve essere rafforzata ogni anno, secondo la guida del veterinario.

"Il modo migliore per garantire la sicurezza e l'efficacia del vaccino contro il virus della rabbia è eseguirlo sempre con un veterinario di fiducia e seguire tutte le linee guida fornite da lui", afferma il dott. Kelli.

Non trascurare! Mantenere aggiornato l'ID del tuo amico è importante non solo per la sua sicurezza, ma anche per le persone che lo circondano. Nel caso del vaccino contro la rabbia, oggi i comuni offrono dosi gratuite presso cliniche accreditate.

Ma puoi anche immunizzare il tuo amico in cliniche ben attrezzate e affidabili come Petz, che garantiscono la corretta conservazione e sicurezza del vaccino. Cerca l'unità più vicina a te!

Articoli Correlati